Il martello un indispensabile utensile

0
3
martello

Esistono molti modelli di martello e non serve solo per “piantar chiodi”

Il martello è composto da un manico più o meno lungo, di legno, plastica o acciaio con impugnatura rivestita, e da una testa che ha forma diversa a seconda dell’impiego. Nei mazzuoli è tozza e simmetrica, mentre nei più comuni martelli si identifica una “bocca”, la parte battente piatta, e una “penna”, posta sull’altro. Quest’ultima può essere lineare o curva, compatta o biforcuta come nei matelli da carpentiere, con funzione levachiodi.

A cosa serve

Fra i vari tipi di martello, quelli da carpentiere, insieme a quelli da falegname, sono i classici martelli utilizzati per piantare e per levare chiodi. Esistono poi martelli per demolizione (mazzuoli), martelli con testa di gomma, legno o materiale plastico utilizzati per scalpellare o per non rovinare le superfici, con bocca a palla per ribattere lamiere e carrozzerie, martelline con bocca e testa assottigliate per piastrellisti, per muratori, per saldatori, per tappezzieri e per corniciai.

Come si usa

Il martello va impugnato nella parte bassa del manico, le cui dimensioni sono rapportate al peso della testa per garantire un bilanciamento ottimale. Il movimento del braccio deve fare sì che la parte piana della bocca si trovi perpendicolare al chiodo da piantare, in modo che questo penetri verticalmente, senza piegarsi.
Il martello va scelto bene in quanto il peso e la conformazione della bocca devono essere rapportati alle dimensioni e alla natura sia del chiodo, sia del materiale in cui va conficcato.

Lascia una risposta

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome